Il Paese

Le origini di Monteacuto delle Alpi sono comuni a tanti borghi di impianti medioevale , con ruolo di difesa, in posizione elevata , a dominare le strade dell’epoca lontana. La storia lo vuole luogo “matildico” , forte inespugnabile , e tante cose ancora. Ma il bizzarro corso degli eventi ha lasciato numerose altre tracce dei secoli successivi, compresi quelle “poco ortodosse” di una recentissima ricchezza. Anche quest’estate le strade si riempiranno di turisti , per l’ottava edizione della festa medioevale .L ‘itinerario si arricchisce ad ogni nuova sosta : dopo le lavandaie , i tiratori con l’arco la filatura della lana , il fabbro gabelliere,il pittore e il mago. Se la salita può sembrare dura, ecco il sollievo di bevande, infusi, misture. Nella bella piazza della Chiesa , poi, vi accoglierà l’ aroma delle spezie e sosterete per ascoltare il grido della mola dell’ arrotino e le strofe dei cantastorie. Per una volta , Monteacuto rende giustizia al medioevo, gli toglie il buio da cui era circondato. Non più una fortezza chiusa dentro la sua storia ,e destinata all’abbandono, ma luogo da conquistare e assediare senza scorta e senza armi.
tratto da un articolo di Alessandro Riccioni in occasione del “La Festa Medievale”

Annunci